Guide e Tutorial
Sondaggi
L'argomento che più ti interessa in informatica è:

Sicurezza informatica
50%
Guide all'uso di software
21%
Corsi teorici di base
18%
Intrattenimento e multimedialità
11%
Newsletter

Iscriviti ora !!!

Ricevi email di aggiornamento periodico dal nostro portale!

Dizionario tecnico
Cerca un termine
Siti affiliati
Articoli, guide e tutorial
software Reinstallare/Configurare Windows 2000

In seguito alle continue richieste di assistenza in merito all'installazione di Windows 2000 abbiamo deciso di scrivere questo articolo che speriamo possa cancellare ogni dubbio in merito

freccia Sezione: Sistema Operativo
freccia Difficoltà: MEDIA, Compatibilità: Win2000

Condividi e rendi nota questa pagina



Installare Windows 2000

La direzione di PCPRIMIPASSI la ringrazia per aver utilizzato i servizi del portale e le ricorda che il contenuto di questi file è dato in uso nello stato in cui si trova, senza garanzie di alcun tipo. Tutte le garanzie, implicite o esplicite, sono specificatamente non valide.

In seguito alle continue richieste di assistenza in merito all'installazione di Windows 2000 abbiamo deciso di scrivere questo articolo che speriamo possa cancellare ogni dubbio in merito.

Cosa serve per installare Windows 2000:
Per l'installazione di Windows 2000 ricordiamo che occorre inoltre rispettare quei requisiti minimi che consentono al sistema operativo di funzionare in maniera dignitosa:
  • Processore di classe pentium con un clock maggiore o uguale ai 200Mhz
  • 64Mb di ram
  • Scheda audio a 16bit
  • Scheda video che supporti almeno la risoluzione 800x600 a 16bit
  • Lettore cd-rom 4x minimo
  • Almeno 650 MB di spazio libero su Hard Disk con quest’ultimo di almeno 2 GB totali
Naturalmente la maggior parte dei pc moderni rispetta ampiamente questi requisiti, però è sempre bene ricordarli, ai fini di risparmiare perdite di tempo inutili a chi come è già successo in passato vuole installare questo tipo di sistema operativo su notebook con 486dx2 8mb di ram, ecc. Folli!!

L'installazione di Windows 2000 è piuttosto automatizzata grazie allo stesso CDROM di installazione, inserendo il quale si accede ad ogni funzione utile per formattare,partizionare e installare il sistema in questione.

Qualora mancasse il CDROM di installazione, è possibile avviare il setup del sistema dai dischi di avvio. I dischi di avvio dispongono dei files essenziali per caricare le basi del sistema stessa, ossia per rendere disponibile una piattaforma minima ma funzionale da cui partire per installare/disinstallare/configurare il sistema. Vediamo come ottenere questi dischi (stiamo parlando di Floppy disk da 1.44 MB)

Istruzioni per la creazione dei dischetti di avvio:

NOTE:
Prima cosa utile che occorre sapere sui dischi di installazione di Windows 2000/Xp è che i dischetti di avvio sono legati al cd di installazione del sistema operativo. Per creare questi dischetti si deve avere innanzi tutto il cd di installazione di Windows inoltre occorre che questi siano creati da un sistema Windows installato e funzionante sul vostro computer.
Questa procedura è utile, normalmente, per tutti quei pc ( i bios delle schede madri, per essere precisi) che sono ormai vetusti, e che non supportano il boot da cd-rom.


La creazione dei floppy di avvio è immediata, basta inserire il CDROM del sistema nell'apposito lettore e cercare all'interno dello stesso la cartella BOOTDISK.
Apritela e avviate uno dei due eseguibili che trovate all'interno: MAKEBOOT.EXE o MAKEBT32.EXE.
A questo punto si aprirà una finestra DOS a schermo scuro che vi chiederà di specificare l'unità floppy per la copia delle immagini dei file di avvio. .
Digitate A: o + semplicemente A (l'unità predefinita per questo supporto) e premete invio; a questo punto si è invitati a inserire il primo foppy e così via fino al termine dell'operazione.

Una volta creati i dischi di boot, basta inserirli nel lettore e riavviare il sistema per farlo partire non più dai file installati nel disco fisso, ma da quell'insieme minimo all'interno dei dischi appena creati.
Per far questo occorre che la sequenza di boot(avvio) del PC sia impostata correttamente.

Per quei pc che invece supportano il boot da cd-rom basta inserire il cd in fase di avvio del computer e se tutto è configurato correttamente, tutte le procedure verranno lette e caricate da queste ultimo.

In merito a ciò vi rimandiamo a vedere un articolo su questo stesso sito che tratta la GESTIONE DELL'UNITA' DI AVVIO; in questo articolo tra le altre cose è spiegato come si imposta l'unità di avvio del PC...ecco il link diretto

Impostare l'unità di avvio

A questo punto il PC sarà riavviato automaticamente e adesso, con le nuove impostazioni appena salvate, la prima unità che andrà a leggere il bios sarà quella da voi impostata, CDROM come sperato (o l'unità floppy);
premete un tasto quando viene richiesto di far partire il sistema da CD (se avete fatto partire il sistema da floppy non avrete questa incombenza, ma l'attesa sarà lunga per caricare tutti e quattro i dischetti....) e il gioco è fatto!

Se tutto è configurato in maniera corretta a questo punto parte il caricamento dell'interfaccia testuale:
una schermata blu tipo dos con un bordo grigio in basso, nella quale vengono visualizzate le varie operazioni in esecuzione, e le opzioni da selezionare per andare avanti tra le varie schermate.
La procedura è automatica quindi c'è ben poco da fare, se non stare ad aspettare che le schermate blu visualizzino le varie opzioni da selezionare e le varie istruzioni da seguire per installare il sistema operativo, ripristinarlo, eliminare una precedente versione installata, formattare il disco fisso, formattare e convertire, il metodo di archiviazione dati su disco fisso (Fat32, NTFS).

IMPORTANTE !!!
MI RACCOMANDO, LEGGA ATTENTAMENTE I MESSAGGI VISUALIZZATI, PENA, OGNI VOLTA OCCORRE RICOMINCIARE DA CAPO LA PROCEDURA.

Ci preme sottolineare che all'inizio di tale procedura automatica, una volta riconosciuto l'hardware installato sulla macchina, viene visualizzato per brevissimo tempo il messaggio sulla barra grigia che ci chiede se vogliamo installare eventuali driver esterni per l'istallazione di periferiche particolari. Questa opzione è da selezionare se siamo dotati di sistemi raid o di tutte quelle periferiche che non vengono normalmente riconosciute dal sistema in fase di rilevazione hardware. Il tasto da premere se si vogliono installare driver esterni contestualmente alla richiesta poc'anzi citata è F6 di solito.


Se non si installano driver esterni il programma provvederà all'installazione di driver provvisori che poi verranno rimossi più tardi. Scusatemi se mi ripeto, ma occorre stare ben attenti ai messaggi che appaiono su schermo e seguire le indicazioni che compaiono sullo schermo.

Breve guida al ripristino di Windows 2000

Se anziché voler installare il sistema operativo volete ripristinare una versione già residente nel vostro hard disk effettuando una specie di checkup, avete due possibilità;

arrivati infatti ad un certo punto della procedura di avvio (vedi sopra) viene richiesto all'utente se si vuole
  • installare una nuova copia del sistema operativo
  • ripristinarne una versione installata premendo il tasto R.

Premendo il tasto R appare di nuovo un'altra schermata che ci chiede se vogliamo eseguire il
  • ripristino accedendo alla console comandi di emergenza
  • ripristino di emergenza in maniera automatica.

Consiglio di scartare a priori tramite console comandi, perché è per veri esperti.
Scelto il ripristino utilizzando la procedura di emergenza, si da luogo ad altre schermate che ci invitano a scegliere quali settori del sistema controllare ecc;
il consiglio anche qua è quello di seguire il filone della scelta di ripristino senza intervento manuale almeno fino a quando non avrete acquisito una certa dimestichezza con Windows 2000.

Finito il ripristino viene chiesto di riavviare il PC, a questo punto togliete gli eventuali dischetti di ripristino presenti nell'unità A: o nell'unità CD-ROM, e aspettate per vedere che succede.

Se il problema è stato risolto, beh buon per voi, se il problema non è stato ancora risolto allora reinserite i dischetti di avvio o il CD-ROM, riavviate il PC (premendo contemporaneamente i tasti Ctrl+Alt+Canc) e attraverso le schermate arrivate di nuovo al bivio precedentemente descritto :
  • Installazione di una nuova copia
  • ripristino mediante il tasto R.

Stavolta scegliete la strada dell'installazione di una nuova copia (tasto invio).

Troverete a questo punto anche un'altra dicitura oltre a quelle che fanno installare una nuova copia, ovvero troverete quella relativa al ripristino di una copia precedente del sistema operativo.
Questo tipo di ripristino è più massiccio: è un controllo dei file correnti addizionata della sostituzione di quelli esistenti con dei nuovi, un po' come se si cancellasse la cartella di Windows e la si rimettesse da capo, infatti al termine di questo secondo tipo di ripristino molti programmi devono essere installati da capo e molte opzioni di personalizzazione del sistema operativo devono essere rieseguite da zero.
Tutto questo ha ancora però il vantaggio che non si perdono i documenti che si avevano all'interno del PC.
Se poi neanche questa strada è andata a buon fine spiacenti di darvi la brutta notizia: occorre scegliere le vie più drastiche da "Installazione di una nuova copia di Windows 2000".
Quali sono queste?
  • Eliminazione della copia esistente senza formattare, quindi installazione di una nuova copia del s.o. scegliendo installazione di win... 2000... la partizione e la cartella;
  • Formattazione dell'hardisk, con eventuale conversione del sistema di gestione del disco fisso (FAT 32 o NTFS) e installazione di una nuova copia del sistema operativo;
  • Eliminazione della partizione o delle partizioni esistenti che per brevità può essere fatta anche con l'intramontabile fdisk (scegliendo l'opzione relativa all'eliminazione di partizioni non dos o NTFS), caricamento dei dischetti di avvio o dal CD-ROM della procedura di avvio e installazione di Windows 2000.


Ripristino di Windows 2000 pro senza ricorrere ai morbosi dischetti di installazione o al Cd di installazione del sistema operativo.
In fase di avvio del sistema operativo appare una barra tratteggiata che si colora in grigio man mano che il sistema operativo si carica in memoria RAM.
Prima che questa barra si colori in grigio per circa due secondi appare una scritta ci invita a premere il tasto F8 qualora si voglia accedere alle opzioni di caricamento e ripristino.
Inutile dire che occorre premerlo per accedere al menù di ripristino, a questo punto basta leggere nel menù e scorrere con le frecce fino a trovare una dicitura simile a Ripristino del sistema ad una versione correttamente funzionante, e scegliere poi un punto di ripristino disponibile.
Se si sa dove mettere le mani si può anche scegliere di partire dalla modalità provvisoria o di ripristinare tramite prompt comandi.

Vedi la seconda parte cliccando sul numero di pagina corrispondente

Altre pagine

TI E' PIACIUTO QUESTO CONTENUTO ?

Condividi e rendi nota questa pagina

Cerca nel sito
Cerca in:
In base a:
Sostienici !
Social Network
Seguici sui social network
Segui PcPrimiPassi su Google+ Segui PcPrimiPassi su Twitter Fanpage di PcPrimiPassi.it
Ultimi Download
Domande Top
Tipi di files
Team & Contatti
Sviluppo
Versione 4.0 Developed by Stefano Ravagni