Guide e Tutorial
Sondaggi
L'argomento che più ti interessa in informatica è:

Sicurezza informatica
51%
Guide all'uso di software
23%
Corsi teorici di base
17%
Intrattenimento e multimedialità
9%
Newsletter

Iscriviti ora !!!

Ricevi email di aggiornamento periodico dal nostro portale!

Dizionario tecnico
Cerca un termine
Siti affiliati
Articoli, guide e tutorial
software Come estendere il segnale wifi della propria rete

Vuoi estendere il segnale wifi della tua rete perché hai delle zone del tuo edificio che non sono raggiunte ? Lo puoi fare con una spesa di pochi euro e pochi minuti del tuo tempo. Vediamo insieme come.

freccia Sezione: Hardware
freccia Difficoltà: MINIMA, Compatibilità: Indipendente dal sistema operativo

Condividi e rendi nota questa pagina



Come estendere il segnale wifi della propria rete

Come estendere la rete wifi con un extender

Cosa è la rete wifi o wireless e come funziona:

Oggigiorno quasi tutti abbiamo in casa un router che permette l'utilizzo e la condivisione della connessione tramite onde radio... Sto parlando della famosissima rete wifi o wireless.

La rete wifi messa a disposizione da un moderno router in un edificio o in un posto pubblico, permette a tutti gli autorizzati di utilizzarne la rete veloce in ingresso su qualsiasi dispositivo che a sua volta abbia a disposizione la tecnologia wifi...ovvero tutti gli smartphone, tablet e moltissimi pc.

Il concetto di base è semplice; il router acquisisce la linea veloce (ADSL, fibra ottica, altro) dal doppino telefonico e la ridistribuisce tramite le onde radio in un raggio più o meno grande nei suoi dintorni; la misura di questo raggio di azione dipende dalla qualità delle antenne wireless montate sul router stesso ma generalmente è sufficiente a coprire un normale appartamento o un edificio di un paio di piani di altezza.

In molti avranno però notato come il segnale wifi decada man mano che ci si allontana dal router; questo è perfettamente normale ed è anche molto influenzato dalla quantità di ostacoli che le onde radio devono attraversare nel proprio cammino.
Se l'edificio ha muri molto spessi, il segnale da una stanza all'altra avrà un forte decadimento... cosi come accadrà la stessa cosa tra piano diversi dello stesso edificio in maniera strettamente dipendente allo spessore dei solai/soffitti.

Ne sanno qualcosa i fornitori di servizi alberghieri, che spesso si trovano in difficoltà a servire l'intera struttura con il segnale wifi per i propri clienti.
Cosa fare in questi casi in cui sarebbe necessario avere una copertura ben più grande ?
Semplice, basta estendere il segnale con un dispositivo intermedio che ripeta lo stesso per altri N metri .

Come estendere il segnale con gli extender:

Il dispositivo adatto al nostro scopo si chiama extender, e non è niente altro che un ripetitore di segnale.
Posizionato al limite del range di lavoro del router primario, permette di riprendere il segnale anche se debole e riproporlo potenziato per molti altri metri... espandendo cosi il segnale originale che, tanto per fare un esempio, da un raggio di azione di 15 metri può arrivare ad un raggio di oltre 30.
Anche in questo caso, la capacità di estendere il segnale dipende moltissimo dalla qualità del dispositivo acquistato, per cui il primo consiglio mi nasce spontaneo già in questa fase della guida... acquistate prodotti seri, prodotti da ditte conosciute ed affidabili e che abbiamo delle garanzie certificate di funzionamento.

Tipologia di extender: quale modello preferire:

Vediamo come è fatto un extender.... 
Più o meno si presenta come un piccolo dispositivo da collegare alla presa elettrica e che reca un ingresso per il collegamento ethernet.
La porta ethernet del nostro extender è necessaria solo in fase di prima configurazione e servirà per collegarla ad un computer dal quale andremo ad impostare i vari parametri, anche con procedura guidata, che ci consentiranno di utilizzarlo senza problemi nel modo a noi più congeniale.

Extender di rete wireless

Generalmente questi dispositivi possono comportarsi non solo da extender ma anche da access point o a loro volta router...in questa guida non prenderemo in considerazione questo tipo di connessione, ma nel caso qualcuno fosse interessato diciamo che nel manuale del dispositivo è sempre indicato come farlo funzionare secondo i vari principi per cui è stato costrutito.

In commercio esistono dunque diversi modelli di vari produttori...
Ma come scegliere quello giusto?

In generale è preferibile avere le seguenti accortezze:

  1. Prediligere modelli di produttori conosciuti ed affidabili, con caratteristiche certificate e a norma europea.
  2. Prediligere modelli con la più alta velocità in Mbps.
  3. Prediligere modelli con il più elevato range di azione.
  4. Prediligere apparecchi che abbiano led indicatori della potenza del segnale e della connessione.
  5. Verificare i protocolli supportati che incideranno sulla velocità di trasmissione (attualmente il più recente è IEEE 802.11ac).
  6. Accertarsi che supporti il dual band alle frequenze di 2.4 GHz e 5 GHz, che rappresentano i due standard più utilizzati dai dispositivi da collegare successivamente.
  7. Prediligere i dispositivi con tasto di accensione/spegnimento, altrimenti occorre sempre rimuoverlo dalla presa elettrica alla fine del suo utilizzo.

Come si configura un extender per il primo utilizzo:

Va molto di moda scrivere nei manuali qualcosa del tipo "questo dispositivo si configura da solo con la semplice pressione di un bottone"

... niente di più falso nella maggior parte dei casi che ho incontrato.

I modi per configurare un extender sono essenzialmente due:
1) Inserire il CD autoinstallante se disponibile e seguire le indicazioni mostrate a video.
2) Configurare manulamente l'extender collegandolo ad un computer via porta ethernet.

Il secondo sistema, nella mia personale esperienza, è l'unico che non da problemi.


La configurazione manuale dell'extender:

Per prima cosa bisogna collegare il dispositivo ad un computer tramite la porta ethernet; Quello che andremo a fare è dire all'extender di amplificare una rete wifi già attiva.... per cui è necessario prima di tutto che la wifi sia abilitata e già funzionante, cosi che possa essere individuata.

Il computer cui collegare il dispositivo deve essere diverso da quello che è già collegato al router, sempre tramite porta ethernet, altrimenti ci potrebbe essere un conflitto di indirizzi IP ... questo succede nei modelli non troppo professionali ma per evitare ogni problema, se ne avete la possibilità, usate un pc differente.

Accendiamo il dispositivo precedentemente collegato al pc e aspettiamo che si avvii... dopo qualche minuto occorre aprire il proprio browser web e digitare un indirizzo ip che ci farà raggiungere il pannello di configurazione dell'extender.

L'indirizzo lo trovate sul manuale, per cui guardate sempre li per non sbagliare...
Qualcuno non lo scrive o lo omette o peggio ancora indica un indirizzo che non funziona... Generalmente è il 192.168.1.1 oppure il 192.168.0.1 ... quest'ultimo però è spesso utilizzato dal router principale, ecco perché è bene usare un computer diverso per collegarsi all'extender.

Una volta nel pannello di configurazione ci vengono chiesti i dati di autenticazione. Anch'essi sono scritti nel manuale d'uso o per lo meno dovrebbero. Generalmente sono ADMIN per l'username e ADMIN per la password ma occorre leggere comunque il manuale.
A me è capitato che per password fosse richiesta la chiave WPS scritta sotto al dispositivo. In ogni caso, accertatevi dal manuale che è sempre la cosa migliore.

Quando infine saremo stati autenticati, occorre leggere bene i vari menu, tra i quali generalmente spicca una voce di configurazione guidata (wizard). 
La cosa più semplice da fare è seguire questa procedura guidata e rispondere nel modo corretto ai vari passaggi, quindi salvare tutto e riavviare il dispositivo.


Ma quali dati devo indicare ?

L'obiettivo, come già descritto, è far individuare all'extender la rete WIFI già attiva....una volta individuata va selezionata e va detto al dispositivo che lo vogliamo usare per ESTENDERE questa rete wifi.

Nel pannello si trova sempre in bella vista l'elenco delle reti individuate nei dintorni, occorre semplicemente selezionare la propria, quella che proviene dal nostro router principale, quindi confermare, andare avanti, dare un nome alla nostra rete estesa 
(a meno che non sia auto-configurata come fanno molti dispositivi) e salvare la configurazione.

Non sono stato molto specifico in quanto ogni produttore fornisce un pannello differente dagli altri, sebbene si somiglino un po tutti tra di loro qualche differenza la si trova sempre.


E adesso come utilizzo il mio extender ?

Una volta arrivati a questo punto avremo la seguente situazione:
Il router prende la rete via cavo telefoni, la ridistribuisce via WIFI per un certo raggio di azione.
Occorre prendere ora l'extender e posizionarlo nel punto in cui la rete WIFI arriva ancora abbastanza bene ma non troppo e posizionarlo nella prima presa elettrica disponibile nell'edificio.
Non siate troppo pretenziosi nel cercare l'ultimo punto in cui il segnale arriva a malapena...un segnale troppo debole non viene catturato al meglio per cui lasciatevi un certo margine di segnale primario...

Per capire bene fin dove arriva il segnale primario e dove occorre posizionare il dispositivo extender basta prendere uno smartphone, fare la ricerca delle reti wifi disponibili ed individuare la nuova rete estesa...
...quindi vagare per la zona dell'edificio di interesse fin quando non si individua la zona giusta in cui il segnale arriva con l'ultima tacca possibile.

L'extender una volta posizionato sulla presa di corrente necessita solamente di essere acceso...e di aspettare che agganci la linea wifi principale.
Provando a connettersi con la nuova linea estesa da un punto in cui non arriva bene la linea principale dovremo poter notare una netta differenza data dal raggio di azione della wireless che adesso è ben più grande che in precedenza.

Capirete a questo punto come questo sistema possa essere ulteriormente ampliato tramite l'uso di più extender che si rimbalzano il segnale fino a coprire zone molto grandi, in base alla necessità del caso.


Quanto costa un extender ?

La spesa per tutta l'operazione, tempo-uomo non incluso, va dai 19 € ai 35...ovviamente esisteranno anche prodotti più performanti e quindi costosi ma il loro acquisto va valutato bene in base alle necessità del singolo utente.


Conclusioni:

L'extender rappresenta un modo facile, veloce ed economico per avere una rete wifi più ampia in casa propria o per la propria attività. Un sistema alla portata di tutti e di tutte le tasche che speriamo possa aiutarvi. 
Alla prossima!

RAVEN





TI E' PIACIUTO QUESTO CONTENUTO ?

Condividi e rendi nota questa pagina

Cerca nel sito
Cerca in:
In base a:
Sostienici !
Social Network
Seguici sui social network
Segui PcPrimiPassi su Google+ Segui PcPrimiPassi su Twitter Fanpage di PcPrimiPassi.it
Ultimi Download
Domande Top
Tipi di files
Team & Contatti
Sviluppo
Versione 4.0 Developed by Stefano Ravagni